Zoologia tra Seicento e Ottocento

Leggi l'articolo

Gli studi nel Seicento, nel Settecento e nell'Ottocento

Il merito fu di Galielo Galilei, di Cartesio e di Francesco Bacone. Cartesio, in particolare, propose una teoria del vivente del tutto nuova, assai distante da quella aristotelica, ritenendo gli animali delle macchine perfette la cui attività va spiegata in termini di fisica. La sua teoria venne accolta da molti con opposizione feroce, da altri con cautela, da coloro, cioè, che iniziarono a vagliarne le potenzialità. Arbitro fu il microscopio, messo al servizio della
biologia.

Il Seicento, meno ricco di studi sugli animali rispetto al Cinquecento, fu tuttavia arricchito dal lavoro di John Ray, che introdusse un sistema di classificazione comune ai due regni dei viventi, aprendo la strada a Carlo Linneo che esordì come botanico talentuoso già in giovane età.

Nel corso degli anni il suo metodo, in un Settecento particolarmente interessato alla raccolta di curiosità naturalistiche, ottenne un grande successo, traendo vantaggio dalla sua chiarezza. Linneo fu inoltre riconosciuto per l'organizzazione della ricerca faunistica e floristica ed ebbe tantissimi allievi, naturalisti.

Nel Settecento fu compiuto un notevole progresso dalla fisiologia e dalla biologia della riproduzione, chiarendo fenomeni della riproduzione asessuata e dell'ermafroditismo, ampliando nozioni sulla riproduzione in genere, compiendo scoperte decisive in campo fisiologico (Priestley, Spallanzani, Senebier, Lavoisier), aprendo un varco alla soluzione di problemi relativi alla fotosintesi e alla respirazione.

Straordinari risultati furono permessi anche dalle scoperte di Volta e Galvani, dando vita a un nuovo capitolo della fisiologia. Nell'Ottocento Schwann e Schleiden fondarono la teoria cellulare che permetterà l'interpretazione di spermatozoi e uova come cellule e lo sviluppo dell'embrione come differenziamento e proliferazione cellulari.

Da segnalare anche le teorie di G.B. Lamarck, che nel vasto trattato di zoologia degli Invertebrati classificò i differenti gruppi sistematici in base alle presunte parentele, incominciando l'esposizione del regno animale a cominciare dalle forme più semplici.

Ti è piaciuto l'articolo?

Condividilo subito sui tuoi social preferiti!!

Zoologia dall'Ottocento a oggi

La zoologia dall'Ottocento a oggi

L'Ottocento si aprì con la partenza dei maggiori naturalisti francesi, per volere di Napoleone, al seguito del corpo di spedizione in Egitto. L'Inghilterra imbarcò, invece, diversi naturalisti tra cui Joseph D. Hooker e Thomas H. Huxley, e offriva ai giovani naturalisti l'opportunità di compiere importanti tirocini pratici, dando un decisivo impulso non solo alla zoologia ma anche alla botanica e alla biogeografia. Ne fu un chiaro esempio l'evoluzionismo darwiniano.

Vai all'Articolo

Origini della zoologia

Le prime osservazioni zoologiche

La conoscenza degli animali è necessaria all'uomo per preservare quello che resta degli ambienti naturali, assicurando alle generazioni future migliori condizioni di vita, oltre che per conoscere a fondo la sua storia e la sua natura.

L'interesse naturalistico dei nostri antenati è testimoniato dalle antiche sculture e pitture, dagli scritti e dalle iscrizioni
provenienti dalla Grecia, dall'Egitto e dal Vicino Oriente.

Vai all'Articolo

La Zoologia

La Zoologia Ŕ la scienza biologica che studia il regno degli animali, divisi in questo portale tra vertebrati e invertebrati.

Vai all'Articolo

Vertebrati

Gli animali che appartengono al gruppo dei vertebrati

Vai all'Articolo

Invertebrati

Gli animali che appartengono al gruppo degli invertebrati

Vai all'Articolo

Vuoi contattarci?

Per chiarimenti, per ricevere ulteriori informazioni o richieste, o per comparire nelle pagine del nostro sito non esitare a contattarci.

Video

I nostri Portali

SITI.IT

I migliori siti per categoria

PIAZZE.IT

Il Portale dei Comuni Italiani

FOOD.IT

L'eccellenza a tavola

NAVIGARE FACILE .IT

Risorse e Portali Web

zoologo.it

Informazioni, approfondimenti, curiosità sul mondo animale

zoologo.it

Compila il modulo per contattarci

051 267600

Il tuo messaggio è stato inviato! Vi risponderemo nel più breve tempo possibile
Errore!! messaggio NON inviato
Dichiaro di aver preso visione dell'Informativa Privacy resa ai sensi dell'Art. 13 Regolamento Europeo 2016/679, e di rilasciare il consenso al trattamento dei dati personali, per le finalitÓ ivi indicate finalizzate alla corretta esecuzione delle obbligazioni contrattuali
Dichiaro di essere maggiorenne secondo la normativa vigente nello stato a cui appartiene il fornitore del servizio